Il meraviglioso popolo di Ischia mi ha conferito un incarico serio: essere sentinella e controllore di una maggioranza che deve amministrare il mio paese. E non ho nessuna intenzione di tradire gli oltre cinquemila Ischitani, quasi la metà del popolo di Ischia, con accordi di bassa lega e bassa politica. Non hanno credibilità. Sono 40 giorni che litigano per questioni loro interne. Non hanno credibilità. Stanno portando avanti un concorso per l’assunzione dei famosi vigili a tre mesi in maniera alquanto discutibile. Attendiamo gli esiti per chiedere trasparenza senza lasciarci andare a sensazionalismi e populismi. Non hanno credibilità. Il Pontile 2 del porto di Ischia è ancora scoperto. Così come il Piazzale Trieste e Trento. Non hanno credibilità. Il traffico, da 40 giorni, è ancora il nostro peggior nemico e la nostra peggiore causa di vergogna. Non hanno credibilità. Le spiagge sono sporche, mal curate e disorganizzate. Non hanno credibilità. L’ordine pubblico è una chimera. E io dovrei tradire il popolo Ischitano per chi non ha nulla? Non l’ho fatto quando ho preso le distanze, tre anni fa, da questa maggioranza e lo dovrei fare oggi che ho dalla mia, la forza di 5000 ISCHITANI! No grazie! In attesa del prossimo consiglio comunale, sperando di conoscere la nuova giunta del comune di Ischia, non posso far altro che restare stupito, nonostante avessi smentito. #IschiaCambia !!!

Le mani sul consiglio. Noi della minoranza non invitati alla proclamazione! Siamo consiglieri comunali lo stesso Così come i cani rabbiosi si avventano sulla loro preda, così la maggioranza eletta continua a comportarsi. Eppure hanno vinto. Ma non hanno la serenità dei corretti, di quelli che dormono sereni la notte. Hanno l’urgenza e la rabbia di addentare il potere. Oggi pomeriggio la commissione elettorale ha proclamato gli eletti. Un semplice atto che rientra nell’ordinario e che arriva con quasi un mese di ritardo a causa dei numerosi ricorsi della maggioranza. Non voglio credere che il magistrato delegato si sia reso protagonista di una così grave dimenticanza !!! SONO CERTO CHE QUALCUNO ABBIA VOLUTO ESCLUDERCI. Siamo consiglieri comunali lo stesso. Non abbiamo bisogno della commissione elettorale, abbiamo avuto il più importante mandato: quello del popolo di Ischia. E al popolo di Ischia dobbiamo dar conto. Avete calpestato un pezzo di democrazia.

Guardo il cielo terso e, dopo una serata in casa, non posso far altro che guardare al mio comune ed essere assalito da un sentimento di tristezza. Sono triste per il mio paese. E’ trascorso un mese dal voto e gli ischitani non sanno ancora da chi sarà amministrato il loro comune. Gli altri comuni viaggiano a velocità elevate e noi restiamo impallati con la prima crisi di maggioranza del nuovo sindaco. Una palude di interessi personali e di guerre interne che non fanno altro che aggravare la sensazione di crisi che vivono i cittadini di Ischia. Quanto tempo, ancora, dovremo attendere prima di vedere un atto pubblico che non sia un’ordinanza del comandante Pugliese? Un atto pubblico che rientri in una strategia di paese? E’ dalla fine del primo mandato dell’ex sindaco che il paese aspetta di essere governato. I fatti loro, i fatti di cronaca, le risse personali e i veti che si sono messi e si mettono gli uni sugli altri, continuano a tenere ferma la macchina del comune. L’unica che viaggia a forti velocità è quella della clientela e del “Piacerificio Ferrandino”. Hanno ingolfato i lavori della commissione elettorale e, ancora oggi, 5 luglio, è tutto in attesa di conferma. Tutto fermo, proprio come il paese. Traffico alle stelle, servizi essenziali mal gestiti, tagli e l’assoluta carenza di controlli ci stanno proiettando ancora più giù rispetto agli altri. Rispetteremo, fino alla fine, il volere del popolo di Ischia e, proprio per questo, non possiamo tacere. Andiamo avanti con la nostra proposta, la nostra idea e la nostra voglia di fare. Avremmo già risolto con la copertura del Pontile 2 e del Piazzale Aragonese. Lo avremmo fatto perché ci eravamo impegnati. E’ fin troppo facile sparlare degli altri. E’ fin troppo facile aggredire chi non ha paura di schierarsi contro. Attendiamo gli esiti degli incontri che la maggioranza porta avanti senza nessuna aspettativa particolare. Nei prossimi giorni vi annuncio qualche bella novità. Buonanotte Ischia !!!

Ho sinceramente paura della deriva post elettorale che ha assunto il nostro comune. Sono trascorsi 18 giorni da quando il popolo di Ischia ha eletto il suo nuovo sindaco e non c’è stato, fino ad oggi, un atto che vada nella educata gestione del territorio. Fin dalla campagna elettorale assistiamo ad un aumento della cattiveria amministrativa. Mettiamo un attimo da parte il fango, l'aggressione e le calunnie elettorali e proviamo ad interrogarci dove il nostro comune sta andando. I fatti della spiaggia della Mandra che mi hanno raccontato i cittadini presenti sono gravissimi. Un paese che avanza a vista. Interventi post elettorali che non hanno nessun legame tra di loro, mostrano quanto il nostro comune abbia bisogno di un altro modo di amministrare. Grazie ai ricorsi continui presentati dal gruppo di maggioranza, la commissione elettorale non ha ancora completato il suo lavoro e, dal 11 giugno attendiamo di sapere l’esito e la formazione del nuovo consiglio comunale. Da 18 giorni il comune di Ischia è ostaggio degli interessi e della corsa al potere di pochi e le problematiche restano senza nessun intervento. Avevamo proposto in campagna elettorale di intervenire subito presso le autorità preposte per la copertura del Pontile 2 e del Piazzale Aragonese e oggi, con il giusto rispetto del voto, chiediamo che il sindaco si faccia promotore di un tavolo tecnico con Soprintendenza e Regione. Non vorrei, per ora, stilare la lista delle cose da fare soprattutto perché sono sotto gli occhi di tutti. Aspettiamo che la finiscano con lo scannarsi e inizino, finalmente, a fare qualcosa per Ischia.

Leggo che il Comune di Procida è dovuto intervenire a difesa dei suoi pescatori contro le ordinanze della maggioranza del Comune di Ischia annullate dal Tribunale Amministrativo della Campania. Il nostro comune è stato bacchettato dal Tribunale perché “l’autorizzazione alla vendita a partire dalle 10.30, allorquando i soggetti professionali residenti nei Comuni d’Ischia hanno già commercializzato il pescato fresco, lede significativamente la parità di trattamento tra operatori dello stesso settore, trattandosi di merce deteriorabile e di cui l’acquisto avviene notoriamente di prima mattina”. Credo che i pescatori di Ischia non meritino tutto questo ma che debbano essere al centro di una politica di sviluppo seria. Che debbano essere coinvolti in una visione di paese d’insieme e non vittima di questo o quel disegno elettorale. In consiglio comunale, con gli amici di #IschiaCambia, abbiamo molto da fare. Ad Ischia c’è un sistema politico che non mette al centro gli interessi del paese ma i propri, che illude gli ischitani con feste e festicciole e contro il quale siamo chiamati ad essere guardiani e sentinelle.

Luigi Telese
Ciro Ferrandino
Rosalba Alassini
Mariella Arcamone
Patrizia Avagliano
Marilaura Barbieri
Maria Maddalena Buono
Michele Califano
Giuseppe Di Paola
Giuseppe Mazzella
Marianna Pisano
Mariagrazia Pollio
Salvatore Scotto D’Abusco
Antonio Spignese
Simona Taglialatela
Emanuele Vuoso

Luciano Venia
Gennaro Scotti
Mario Amalfitano
Giovanni Langella
Luisa Mirabella
Brigida Baldino
Teresa Coppola
Silvana Iapino
Mariarosaria Pinto
Michele Riccio
Filippo Silvestre
Giustina Mattera
Raffaele Adinolfi
Gino Di Meglio
Maria Grazia Di Scala
Domenico De Siano

Annagiulia Amato
Mario Basentini
Annunziata Bellezza
Roberta Boccanfuso
Enzo D’Acunto
Corrado De Maria
Gianni Di Meglio
Antonio Fiminani
Gennaro Giametta
Andrea LApadula
Andrea Pagnani
Giuseppe Patalano
Cristina Rontino
Patrizia Smiraglia
Marina Trani
Vincenzo Trani

Silvano Amalfitano
Raffaella Aprea
Ciro Cenatiempo
Alessia D’Ambra
DavidDel Monte
Gianni Elia
Nincola Lauro
Giuseppina Mira
Ylenia Pilato
Rosaria Russolillo
Antonio Sasso
Agnese Sasso
Michele Scotto D’Abusco
Giovan Giuseppe Trani
Giovanni Tufano
Anna Vesce

Roberto Albano
Carmela Caserta
Tonino Cuomo
Petronela Leonida Taglialatela
Agnese Di Scala
Gianni Ferrandino
Maria Florido
Maria Antonietta Giuseppponi
Alessandro Impagliazzo
Carla Lauro
Alessandro Mazzella
Francesco Minicucci
Antonio Pilato
Raffaele Postiglione
Giuseppe Patalano
Antuono Sorrentino

Luana Pezzuto
Raffaele CAnnovo
Giovanni CAtuogno
Giulio Di Meglio
Giuseppe Di Meglio
Carmela Dontino
Sabrina Fernandez
Antimina Mancusi
Antonio Mazzella
Ester Mira
Concetta Miragliuolo
Giuseppe Monti
Gabriella Napolano
Antonio Pilato
Stefania Pilato
Filippo Scott D’Abusco

Carmine Bernardo
Luigina Buono
Vincenzo Costa
Federica Colucci
Anastasi De Gaetano
Brigida Di Costanzo
Annunziata Di Iorio
Giuseppe Luongo
Giovanna Mazzella
Giuseppe Mennella
Orsola Migliaccio
Pierpaolo Migliaccio
Renata Molino
Catello Muollo
Lucia Scotti
Luigi Trani

9 idee per riaccendere Ischia con Gianluca Trani Sindaco di Ischia

Promozione. Il rinnovamento del turismo
È tempo di dire basta all’improvvisazione. Ischia è bellissima,ma non viene valorizzata. È necessario attuare una strategiacondivisa, coinvolgendo i professionisti dell’accoglienzaper riportare il Comune al suo antico splendore. Utilizzeremole risorse della tassa di soggiorno per creare un pianomarketing nuovo e innovativo che riporti Ischiatra le regine dell’ospitalità.

Ambiente. La rinascita delle Pinete. Obiettivo bandiera blu
Negli ultimi anni la qualità del verde pubblico è peggiorata.
Le pinete ischitane sono abbandonate tra sterpaglie e degrado. Ciò non è ammissibile per un’isola che fa del verde il proprio biglietto da visita. Ma la sfida più importante sarà riconquistare la Bandiera Blu per il nostro mare e le nostre spiagge. Un percorso impegnativo ma necessario

Buon governo. Trasparenza e Democrazia
Pensiamo che il Municipio debba essere una casa di vetro,fondata su trasparenza e chiarezza. Un nuovo approcciodigitale della pubblica ammninistrazione che riduca le distanzetra il cittadino e la struttura amministrativa:veloce, userfriendly, dinamica e al servizio dell’utente.

Vivibilità. Trasporti pubblici efficienti
Il traffico di un’isola che vive di accoglienza deve essereleggero e scorrevole. È necessario puntare a una mobilitàsostenibile, a misura d’uomo. Il trasporto pubblicova rafforzato: puntualità e qualità devono essere le parolechiave dei servizi pubblici in modo da convincere gli ischitania lasciare le auto in garage.

Sostenibilità. Green Economy e innovazione
Sogniamo un’isola verde 2.0, un territorio che abbracciale opportunità della Green Economy e dell’ecosostenibilità.Auto elettriche, pannelli solari, connettività, car e bike sharing. Abbiamo in mente Ischia come un’oasi di innovazione,un modello di riferimento nazionale di Comune sostenibile,con uno sguardo proiettato verso il futuro.

Oculatezza. Ripensare il bilancio del Comune
L’approccio al bilancio comunale va rivoluzionato: non più unsemplice adempimento di legge, ma uno strumento checostruisca concretamente il benessere della collettività.Solo così potremmo puntare a ridurre l’indebitamentoanche attraverso una razionalizzazionedel patrimonio immobiliare del nostro Comune.

Solidarietà. Maggiore attenzione per le fasce più deboli
La crisi economica si fa ancora sentire, sono tante le famigliein difficoltà. La nuova amministrazione sarà un puntodi riferimento per le fasce più deboli. Ischia deve esserela terra delle opportunità. Troveremo le soluzioni adatteper riportare tutti i nuclei familiari a essere protagonistidel tessuto sociale.

Valorizzazione. Un’idea nuova di Ischia
Valorizzazione della sentieristica, recupero dei terreni incolti,ristrutturazione di vecchi edifici da donare alla collettività.Abbiamo in mente un’idea di Ischia nuova, che guarda al futurorispettando le proprie radici. Per questo crediamo sia necessarioattivare un nuovo assetto urbanistico che razionalizziil territorio e allo stesso tempo possa rilanciare,attraverso opere di manutenzione, il comparto edìle ischitano.

Incentivazione. Meno tasse per chi crea lavoro
Non si può pensare alla promozione del territorio senzavalorizzare l’occupazione. Le aziende che garantirannola creazione di nuovi posti di lavoro per gli ischitani vannopremiate, è per questo che abbiamo pensato di gratificarechi dà lavoro e ricchezza alla nostra terracon la diminuzione della pressione fiscale.

Newsletter & Blog

Buona festa della Donna!

Partiamo subito dalle cose belle. In questa settimana in cui si celebra la Festa della…

24 gennaio 2017

È difficile riuscire a mantenere la mente libera dall’angoscia mentre la terra continua a tremare…

Ciao,

Fin da ragazzo ho sempre avuto grande amore per la politica: ispirato da ideali di solidarietà e rinnovamento ho abbracciato le idee del Partito Democratico a partire dalla sua nascita. Nel 2007, a 27 anni, sono diventato consigliere comunale di Ischia con 210 voti. Fiducia che i concittadini ischitani mi hanno riconfermato nel 2012 con 673 voti, risultando il primo degli eletti. Un traguardo che non avrei potuto raggiungere senza l’appoggio di mia moglie Carmen e la carica che mi danno Mariateresa e Gabriele, i miei figli. Ad oggi ricopro l’incarico di Presidente del Consiglio Comunale di Ischia.

Iscriviti alla mia newsletter

* indicates required
Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy *